Scopriamo insieme il nuovo sistema infotainment di Android Auto.

Sicuramente tra qualche anno staremo qui a parlare di auto capaci di autoguidarsi, oppure in grado di scambiarsi in tempo reale dati sulle code e sul traffico; oggi invece possiamo già parlarvi di quelle auto definite “connesse”.
Sono in netto aumento le macchine che integrano al loro interno alcuni sistemi intelligenti capaci di facilitare il guidatore su quale strada scegliere oppure di avvisarlo subito in caso di guasti al motore o ad uno dei suoi principali componenti meccanici.

Se Audi, FCA e Ford hanno deciso di sviluppare un sistema infotainment proprio di connected cars, altri grandi marchi hanno invece optato ad una partnership con le più grandi case multimediali capaci di fornire software ottimali ai proprietari delle autovetture. Tutto nasce grazie ad Android Auto e Apple CarPlay, le piattaforme create dagli accordi presi rispettivamente con Google ed Apple, capaci di far interagire il proprio Smartphone con la centralina dell’automobile, grazie ad un cavetto USB.

Presentato nel 2014, Android Auto interagisce con il guidatore, sfruttando Google Now. Quello che viene proiettato sul display della propria macchina, non sarà l’interfaccia completa del telefono con tutte le rispettive app installate, ma verrà proiettata una schermata, dove compariranno notizie inerenti al traffico in tempo reale oppure alle notizie più importanti di giornata.

 

Android Auto Infotainment Scopriamo più nel dettaglio cos’è Android Auto.

Dopo circa un anno dai primi esemplari, comparsi su alcune vetture, tra cui la Hyundai Sonata, ora è arrivato il momento di scoprire quello montato sul nuovo esemplare di Skoda Fabia.
Quello che Android Auto offre alle case automobilistiche che hanno deciso di implementarlo nelle proprie auto, non è altro che un’interfaccia multimediale di Google, capace di far funzionare tra tutti il navigatore Maps e alcune app musicali come Spotify, PlayMusic, Pandora e Deezer.
Ad oggi, risultano più di quaranta le aziende che vogliono entrare a far parte di Android Auto e infotainment in generale, tra le case produttrici maggiori troviamo Infiniti, Bentley ed Alfa Romeo.

Come funziona il sistema di Infotainment targato Google

Innanzitutto, bisogna scaricare da Google Play Store l’applicazione Android Auto dal proprio Smartphone, (ricordiamo che quest’ultima, richiede all’utente una versione Android superiore alla 5.0).
Dopo aver fatto ciò, non resta che collegare attraverso un cavetto USB, il device mobile allo schermo in dotazione dell’auto, che troviamo situato al centro del cruscotto e procedere con la sincronizzazione.
A questo punto non vi resta che attendere sino a che sul display della macchina non comparirà il sistema operativo Android, con le sue relative forme e colori.
Una volta sincronizzato il tutto, il guidatore potrà iniziare ad interagire con la connected car, o attraverso il display touch screen dell’auto, oppure attraverso i comandi al volante.
A questo punto, (e senza alcun pericolo e distrazione), potremo chiedere tramite comandi vocali a Google Maps di portarci in un determinato posto oppure dettare ed inviare un messaggio, tutto questo grazie attraverso i comandi vocali e senza mai staccare per un attimo le mani dal volante.

Maps, Music e notifiche di Android Auto

Tre le principali funzionalità che fanno parte di Android Auto: le mappe, la muscia e le notifiche.
A differenza dai primi sistemi, oggi qualche modifica è stata apportata.
Come se non bastasse, Google Maps non solo ci indirizzerà attraverso le mappe alla destinazione che desideriamo raggiungere, ma se gli viene chiesto, ci risponderà esettamente anche quanto ci impiegheremo ad arrivare al ristorante o qual’è il numero del proprietario per prenotare.
Tra le principali attività svolte da chi guida, troviamo senz’altro quella di ascoltare musica.
Proprio per questo motivo, Android Auto, offre la possibilità all’utente di sfruttare le migliori applicazioni musicali e, tra le più gettonate , troviamo: Pandora, Spotify e PlayMusic. Sarà possibile inoltre ascoltare anche le playlist contenute all’interno dello Smartphone.
Addirittura, il sistema offre al guidatore, la possibilità di scegliere alcune scalette a seconda del momento. Ad esempio la sera, farà ascoltare musiche rilassanti mentre si è diretti a casa dopo una giornata lavorativa.
Dando invece uno sguardo alle notifiche, Android Auto avviserà il guidatore su ogni notifica che arriverà sui principali Social Network oppure su le chiamate e messaggi che arriveranno in entrata, chiedendo se vuole che li legga o riponda per noi.

Quanto è sicuro usare Android Auto?

Android Auto, viene promosso a pieni voti prima di tutto per la sicurezza stradale.
Tutto ciò che vi abbiamo precedentemente descritto, viene gestito in totale sicurezza per l’automobilista. Si potrà interagire con il sistema facendo tutto attraverso i comandi vocali, ciò permette al guidatore di non distrarsi nemmeno per un attimo. Questo sistema punta soprattutto a ridurre tutti gli incidenti che avvengono giornalmente a causa di distrazioni che avvengono usando l’impianto stereo della macchina oppure scrivendo le destinazioni sul navigatore.

Android Auto: come funziona il sistema di Infotainment Google? ultima modifica: 2017-10-21T00:13:30+00:00 da adminKOOO